, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

"Mastro Don Gesualdo"

Letteratura e teatro

Mastro Don Gesualdo è il nome del protagonista del romanzo a cui Verga inizia a lavorare subito dopo la pubblicazione dei Malavoglia. Dopo una lunga elaborazione, Mastro Don Gesualdo viene pubblicato a puntate sulla rivista Nuova Antologia nel 1888 e in un unico volume dall’editore Treves nel 1889.

 

Come nei Malavoglia, il lettore è catapultato nella storia senza preavviso. Il romanzo, ambientato nel paese di Vizzini, in provincia di Catania, ha inizio con l’incendio nel palazzo dei Trao, una famiglia nobile ridotta in miseria costituita da tre fratelli, Don Diego e Don Ferdinando, vecchi e malandati, e la giovane Bianca. Durante l’incendio Bianca viene sorpresa in compagnia del cugino, il baronello Ninì Rubiera; la famiglia del giovane si oppone alle nozze riparatrici a causa delle pessime condizioni economiche dei Trao e Bianca. Per salvare l’onore, Bianca accetta di sposare Gesualdo Motta, un muratore (mastro) che lavorando duramente è riuscito ad arricchirsi; proprio a causa delle sue umili origini Gesualdo Motta viene chiamato ironicamente Mastro Don Gesualdo. Per questo matrimonio, utile a elevare la sua condizione sociale, Gesualdo abbandona Diodata, una povera trovatella che gli fa da serva e da cui ha avuto due figli. Ma le nozze si rivelano per lui un cattivo affare: la moglie Bianca e la figlia Isabella (che in realtà è figlia di Ninì Rubiera) non proveranno alcun affetto nei suoi confronti, i nobili del paese con i quali sperava di avere buoni rapporti sposando una di loro lo disprezzeranno sempre. Quando Bianca morirà di tisi, Gesualdo, ammalato di cancro, finirà i suoi giorni solo, a Palermo, in casa del marito di Isabella, un nobile spiantato che dilapida nel lusso la roba da lui accumulata.

 

Materiali collegati
Autori: