, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Il si passivante e il si riflessivo

Osserva le due frasi:

Valentina si lava tutte le mattine.

La mela si lava (viene lavata) prima di mangiarla.

 

Il verbo lavare è usato in due modi diversi:

1. nel primo caso siamo di fronte a un verbo pronominale riflessivo: il soggetto (Valentina) è all’origine di un’azione volontaria (lavarsi) che si ripercuote sullo stesso soggetto.

2. nel secondo caso, invece, si tratta di una costruzione con il si passivante: il soggetto è la mela che subisce l’azione di essere lavata, mentre l’agente, colui che compie l’azione di lavare la mela, è assente.

 

 Arg. sogg.VerboAr. ogg. dir.
costruzione attivaIolavola mela
costruzione riflessivaIomi lavo 
costruzione con il si passivanteLe melesi lavano 

 

Nel primo caso hai la costruzione attiva con un soggetto e un oggetto. Nel secondo una costruzione riflessiva in cui il soggetto compie un’azione su stesso. Nel terzo hai una costruzione con il si passivante, in cui il soggetto subisce l’azione: non è infatti semanticamente accettabile una interpretazione riflessiva in cui le mele compiano l’azione di lavare se stesse.