Poliziottesco

    Arti
    Tomas Milian in "Squadra volante" (1974) di Stelvio Massi

    Il "poliziottesco", come la critica defin√¨ spregiativamente il poliziesco all'italiana degli anni settanta, rappresent√≤ con crudezza la violenza dilagante nell'Italia degli anni di piombo, traendo spunto anche dai fatti di cronaca, ma seguendo gli stilemi del film d'azione. Pur ispirandosi al poliziesco e al noir americano, se ne differenziava per la maggiore brutalit√†, spesso esibita fin dal titolo ("Roma violenta", 1975; "Milano violenta", 1976; "Napoli violenta", 1976). Anticipato da "Banditi a Milano" (1968, con Gian Maria Volont√© e Tomas Milian) di Carlo Lizzani, il "poliziottesco" si afferma con i film di Fernando Di Leo ("Milano Calibro 9", tratto da Scerbanenco, 1972), Stefano Vanzina ("La polizia ringrazia", con Enrico Maria Salerno, 1973), Enzo G. Castallari ("La polizia incrimina, la legge assolve", con Franco Nero, 1973) e "Umberto Lenzi ("Roma a mano armata", 1976). Dal genere, che vede negli attori Tomas Milian, Franco Nero e Maurizio Merli i propri interpreti-simbolo, prende vita anche un filone comico, definito trash (spazzatura), ricordato soprattutto per le interpretazioni dello stesso Milian nei panni di "Er monnezza". Il "poliziottesco" √® stato rivalutato, dopo il 2000, anche per impulso del regista Quentin Tarantino che lo ha pi√Ļ volte citato come fonte d'ispirazione per i propri film.

    Materiali collegati

    Tag:

    Chiavi di VIVIT: