La madre di Carducci

    Carducci rimase sempre profondamente legato alla madre. Quando Ildegarde muore, nel 1870, il poeta scrive al fratello Valfredo (3 febbraio 1870): 

     

    Ella riposa, e non sente pi√Ļ nulla. Pace! Pace! Ma non √® finita, non finisce, non finir√† mai, la memoria e il desiderio nostro di lei. Io, che tutti i giorni quasi e spesso nei sogni penso e riveggo il nostro fratello morto, io ricorder√≤ sempre lei, la rivedr√≤ sempre; la ricorder√≤, la rivedr√≤, anche, spero, all’ultimo punto della mia vita.

    Materiali collegati
    Autori: 

    Tag:

    Chiavi di VIVIT: