Lucifero nella "Divina Commedia"

    "[...] Qui è da man, quando di là è sera;

    e questi, che ne fé scala col pelo,
    fitto √® ancora s√¨ come prim’era. 120

    Da questa parte cadde gi√Ļ dal cielo;
    e la terra, che pria di qua si sporse,
    per paura di lui fé del mar velo, 123

    e venne a l’emisperio nostro; e forse
    per fuggir lui lasciò qui loco vòto
    quella ch’appar di qua, e s√Ļ ricorse". 126

     

    (Inferno, canto XXXIV, vv.118-126)

    Materiali collegati
    Autori: