"Istorie fiorentine": il cardatore di lana

    Letteratura e teatro

    Nel III libro delle Istorie fiorentine, Machiavelli racconta la rivolta dei Ciompi, avvenuta a Firenze nel 1378. I ciompi[1] erano i lavoratori addetti alla pettinatura e alla cardatura della lana[2] e appartenevano al gradino pi√Ļ basso della scala sociale. Il Segretario immagina che uno dei cardatori ribelli (alcuno de’ pi√Ļ arditi e di maggiore esperienza )per incitare i suoi compagni a continuare la lotta (per inanimire gli altri), pronunci un discorso costruito con il linguaggio e la logica ferrea tipica del Principe. Machiavelli riprende da Tito Livio la tecnica di mettere in scena personaggi reali o di fantasia che drammatizzano i fatti storici , un espediente che permette all’autore di esporre in forma mediata i suoi pareri e la sua visione delle cose.

     

    I Compi, sottomessi all’Arte della lana, non avevano alcuna possibilit√† di far valere i loro diritti poich√© a rappresentarli nelle controversie erano i loro stessi padroni. In questo discorso il ribelle (che esprime le idee di Machiavelli) utilizza un punto di vista opposto a quello dei governanti e d√† voce alle ragioni degli oppressi; il linguaggio e lo stile non sono quelli del cardatore di lana e l’orazione si adatta a chiunque, in qualunque circostanza, voglia raggiungere il proprio fine sfruttando in modo adeguato l’ occasione, cio√® le circostanze favorevoli che bisogna saper cogliere al momento, senza indugi e ripensamenti, prima che svaniscano per sempre (La opportunit√† che dalla occasione ci √® porta vola, e invano, quando la √® fuggita, si cerca poi di ripigliarla).

     

    I princ√¨pi del cardatore di lana sono gli stessi che ricorrono negli scritti teorici di Machiavelli: l’unione fa la forza (dove molti errano niuno si gastiga, e i falli piccoli si puniscono, i grandi e gravi si premiano) senza correre rischi non si ottengono risultati (sempre quelle imprese che con pericolo si cominciono si finiscono con premio, e di uno pericolo mai si usc√¨ sanza pericolo), la vittoria, comunque ottenuta, porta gloria a chi la consegue (coloro che vincono, in qualunque modo vincono, mai non ne riportono vergogna), chi √® in una condizione di inferiorit√† pu√≤ cambiare la sua condizione solo facendo ricorso alla violenza e all’inganno (gli uomini buoni sempre sono poveri; n√© mai escono di servit√Ļ se non gli infedeli e audaci, e di povert√† se non i rapaci e frodolenti). Le parole cos√¨ persuasive (queste persuasioni) del cardatore infiammano gli animi gi√† riscaldati dei rivoltosi che prendono le armi e si legano con un giuramento di fedelt√† e solidariet√† (tanto che deliberorono prendere le armi, e con giuramento si obligorono di soccorrersi, quando accadessi che alcuno di loro fusse dai magistrati oppresso).



    [1] L’etimo di questa parola √® incerto; “ciompo” (o scardassero) assume il significato di poveraccio, sottomesso, pezzente

    [2] La cardatura consiste nel liberare le fibre dalle impurità, districarle e renderle parallele perché sia possibile ridurle in fili; prende il nome alla pianta del cardo perché anticamente i lanaioli usavano per questa operazione le infiorescenze seccate di questa pianta, che sono coperte di aculei. Alla cardatura segue la pettinatura (o parallelizzazione): le fibre vengono selezionate eliminando quelle corte e orientate nella direzione in cui si costruirà il filo.

     

    Materiali collegati

    Chiavi di VIVIT: