Un commento di Asor Rosa

    Letteratura e teatro

    Così scrive Asor Rosa:

     

    L'ottava poliziana √® la pi√Ļ perfetta che quella tradizione avesse fin allora prodotta. Morbida, scorrevole, senza asprezze, essa trasporta su di s√© e in s√© la tenue storia, facendola apparire come un insieme di quadri appesi alle pareti di un sontuoso palazzo. Nessun'altra opera come questa pu√≤ fregiarsi tanto a ragione del titolo di «poesia umanistica moderna». L'ardua congiunzione fra antico e moderno ha indubbiamente trovato nelle Stanze il suo punto di equilibrio pi√Ļ alto.

     

    [Alberto Asor Rosa, Storia europea della letteratura italiana. Vol. I – Le origini e il Rinascimento, Torino, Einaudi, 2009.]

    Materiali collegati
    Autori: 

    Tag:

    Chiavi di VIVIT: