Caratteri generali: genere e numero

    Morfologia

    Come il nome, l’aggettivo esprime le categorie grammaticali di genere e numero.

     

    1. Le due classi di aggettivi

    Per la formazione del genere e del numero gli aggettivi seguono le stesse norme dei nomi, ma si dividono in due classi: quelli a quattro terminazioni (-o per il masch. sing.; -a per il femm. sing.; -i per il masch. plur.; -e per il femm. plur.) e quelli a due terminazioni (-e per il masch. e femm. sing.; -i per il masch. e femm. plur.). Si veda la seguente tabella:

     

     

     

    SINGOLARE

    PLURALE

    I

    CLASSE

    MASCHILE

    -o  brav-o

    -i  brav-i

    FEMMINILE

    -a  brav-a

    -e  brav-e

    II

    CLASSE

    MASCHILE

    e

    FEMMINILE

    -e  dolc-e

    -i  dolc-i

     

     

    2. Particolarità

    - gli aggettivi in -ista hanno un’unica forma per il singolare e due for­me regolari al plurale (-isti, -iste): sing. m. e f. realista, pl. m. realisti, f. realiste;

    - gli aggettivi in -co: se sono piani, al plurale escono in -chi (antico, antichi), ad eccezione di amico, nemico e greco (amici, nemici, greci); se sono sdruccioli, escono in -ci (pr√†tico, pr√†tici), ad eccezione di carico e dimentico (c√†richi, dim√®ntichi). Non essendo stata individuata alcuna regola precisa in proposito, si consiglia la consultazione di un buon dizionario che indica l’uso prevalente per ciascuna parola;

    - gli aggettivi in -go escono al plurale in -ghi (lungo, lunghi);

    - gli aggettivi in -ca e -ga escono al plurale in -che e -ghe (antica, antiche; larga, larghe);

    - gli aggettivi in -cia e -gia seguono la stessa regola dei nomi: perdono la -i se è preceduta da doppia consonante (selvaggia, selvagge), la mantengono se è preceduta da consonante semplice (grigia, grigie);

    - Esistono anche aggettivi invariabili nel genere e nel numero. Ricordiamo: alcuni aggettivi indicanti colore (amaranto, blu, indaco, lilla, rosa, viola: es. i maglioni rosa, le borse viola) e i composti aggettivo + nome e i composti aggettivo + aggettivo non univerbati (verde bottiglia, grigio scuro, rosso scarlatto: le tende rosa antico); pari (e i derivati dispari, impari: es. lotte impari), dappoco, perbene.

    Gli aggettivi composti da due aggettivi univerbati, variano solo nel secondo elemento (giallorossoi giocatori giallorossi, le bandiere giallorosse);

    - gli aggettivi bello, buono, grande e santo hanno le forme tronche bel (bei), buon, gran, san davanti a nomi maschili non inizianti per s- seguita da consonante (bel fiore ma bello spettacolo; bei fiori ma begli spettacoli).

    Tag:

    Chiavi di VIVIT: