, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Si dice (che)...

La Fontana dei Libri nel quartiere di Sant'EustachioLa Fontana dei Libri nel quartiere di Sant’E
La Fontana dei Libri nel quartiere di Sant’Eustachio [Nel 1927 il Fascismo tentò di reinserire le antiche forme di associazionismo comunale, cioè le corporazioni di “arti e mestieri”. Rientrava in questo progetto anche la valorizzazione della distribuzione degli artigiani in determinate vie. Per celebrare il quartiere di Sant’Eustachio, che un tempo ospitava l’antica università di Roma a Sant’Ivo alla Sapienza, l’architetto Pietro Lombardi disegnò nel 1927 questa fontana. Vi si vedono i libri, che rimandano alla corporazione dei librai, e il cervo, simbolo del quartiere di Sant’Eustachio]

Tessa Gelisio riferisce un’antica credenza, relativa alla fontana dei Quattro Fiumi a Piazza Navona: «si dice sia legata a un sortilegio: chiunque la visiti in senso anti orario perderà inesorabilmente, entro sei giorni, l’amato o l’amata». Gelisio riferisce non un dato storico, non una verità, bensì una “leggenda”, una “credenza popolare”. La conduttrice, pertanto, usa la costruzione impersonale si dice per indicare l’incertezza di quanto è espresso dalla soggettiva, e cioè che la fontana «sia legata a un sortilegio».

 

A seconda del contesto, dunque, bisogna distinguere i casi in cui si dice ha semplice valore impersonale da quelli in cui ha valore dubitativo (vedi il percorso Una cucina multietnica: il caso siciliano).