, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Cos'è "Vivo altrove"

Ascolta l'intervista a Claudia Cucchiarato che presenta il suo libro. Poi completa le affermazioni scegliendo una delle tre proposte.

 

Credits

Intervista di Alberto Conti a Claudia Cucchiarato, 18 ottobre 2010.

Per gentile concessione di Ustation

Claudia ha cominciato la sua carriera giornalistica occupandosi

  • del fascino che aveva la città di Barcellona sui giovani italiani.
  • dell’emigrazione in America dei giovani europei.
  • degli spostamenti nelle capitali del mondo dei giovani italiani.

Claudia dice che oltre a scrivere un libro, ha deciso di aprire un blog

  • dove ci sono gli stessi contenuti del libro.
  • perché un blog lascia più spazio agli altri.
  • perché è un mezzo di comunicazione più moderno.

Claudia dice che le città europee ed americane dove si migra

  • assomigliano spesso alla terra promessa, perché lì tutto è più semplice.
  • rappresentano talvolta per i giovani europei il posto ideale in cui vivere.
  • non sono la terra promessa, ma offrono condizioni di vita migliori che in Italia.

All’estero per un giovane italiano riuscire è più facile perché

  • ha una speranza in più: può farcela anche se non è nessuno all’inizio.
  • ha la possibilità di avere più contatti con gente di tutto il mondo.
  • gli italiani sono particolarmente apprezzati per la loro creatività.

Il problema principale in Italia per Claudia è che

  • è un paese molto in crisi.
  • non c’è spazio per i giovani.
  • manca la meritocrazia.

In Italia i giovani si sentono

  • privi di speranza.
  • pieni di energia.
  • dotati di una serie di garanzie.

Per Claudia andarsene in una città europea è

  • tutto sommato facile perché ci sono molte possibilità di restare in contatto con chi resta.
  • comunque abbastanza difficile, soprattutto perché bisogna lasciare la famiglia.
  • difficile come per chi emigra in Italia da Paesi del terzo mondo.

Per Claudia all’estero fare carriera è più semplice perché

  • ci sono meno vincoli burocratici.
  • si tende ad impegnarsi di più.
  • si ha meno paura di sbagliare.

Per Claudia i giovani italiani se ne vanno perché

  • in Italia proprio non hanno nessuna possibilità di trovare lavoro.
  • sono rassegnati in partenza e non vogliono nemmeno provare a combattere.
  • conoscono la società italiana e sanno che non dà spazio a chi non abbia raccomandazioni.

Per Claudia il fenomeno dell’emigrazione italiana contemporanea

  • è ancora abbastanza sconosciuto.
  • è ormai noto a tutti, anche grazie al suo libro.
  • presenta delle analogie con il fenomeno migratorio del passato.