, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Piccolo testamento

    In Piccolo testamento, la poesia che dà inizio a Conclusioni provvisorie, ultima sezione della raccolta Satura, Montale ribadisce le sue scelte di uomo e di poeta: la distanza da ogni ideologia (chierico rosso, o nero); il rifiuto di dare certezze (il testamento è piccolo, le conclusioni sono provvisorie); la poesia come traccia, come ponte fra cielo e terra (iride), sola luce – debole ma resistente e tenace - che è possibile donare al mondo.

     

    Questo che a notte balugina
    nella calotta del mio pensiero,
    traccia madreperlacea di lumaca
    o smeriglio di vetro calpestato,
    non è lume di chiesa o d'officina
    che alimenti
    chierico rosso, o nero.
    Solo quest'iride posso
    lasciarti a testimonianza
    d'una fede che fu combattuta,
    d'una speranza che bruciò più lenta
    di un duro ceppo nel focolare.
    Conservane la cipria nello specchietto
    quando spenta ogni lampada
    la sardana si farà infernale
    e un ombroso Lucifero scenderà su una prora
    del Tamigi, dell'Hudson, della Senna
    scuotendo l'ali di bitume semi-
    mozze dalla fatica, a dirti: è l'ora.
    Non è un'eredità, un portafortuna
    che può reggere all'urto dei monsoni
    sul fil di ragno della memoria,
    ma una storia non dura che nella cenere
    e persistenza è solo l'estinzione.
    Giusto era il segno: chi l'ha ravvisato
    non può fallire nel ritrovarti.
    Ognuno riconosce i suoi: l'orgoglio
    non era fuga, l'umiltà non era
    vile, il tenue bagliore strofinato
    laggiù non era quello di un fiammifero.

     

    Nella trasmissione radiofonica “Alle 8 della sera” Franco Croce, professore di letteratura italiana presso l'Università di Genova, racconta Montale attraverso le lettura e il commento di 10 poesie tratte da Satura, fra queste anche Piccolo testamento: http://www.radio.rai.it/radio2/alleotto/montale/view.cfm?Q_EV_ID=99046

    Materiali collegati
    Autori: 
    Opere: