, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Nuovi vocabolari e tentativi di nuove grammatiche

Storia linguistica d'Italia
Dizionario della lingua italiana, Tommaseo-Bellini

Negli anni immediatamente successivi all'Unità d'Italia (raggiunta sostanzialmente nel 1860, completata nel decennio successivo) furono impostati e realizzati grandi progetti lessicografici. Uscì per primo il Dizionario del Tommaseo (1861-1879), che è rimasto per circa un secolo la maggiore opera lessicografica disponibile per l'italiano. L'Accademia rimise mano alla quinta edizione del suo Vocabolario che, definito come "il gran Libro della Nazione" e dedicato a Vittorio Emanuele II, cominciò ad apparire nel 1863: vi si cercò una conciliazione fra la tradizione scritta e l'uso parlato, operazione non semplice, che si protrasse nei decenni (la monumentale pubblicazione era giunta alla fine della lettera O nel 1923, quando il governo fascista ne interruppe il finanziamento).

 

Dal 1870 al 1897 fu pubblicato, a cura di Giambattista Giorgini (genero del Manzoni) e di Emilio Broglio, il Novo vocabolario della lingua italiana secondo l'uso di Firenze, ispirato alla proposta manzoniana di rifondare totalmente l'italiano sul parlato fiorentino: una tesi seguita, tra i pochi, dal pistoiese Policarpo Petrocchi (autore del Novo dizionàrio universale della lingua italiana, in due volumi, 1887-1891, poi in un solo volume, Novo dizionàrio scolàstico, 1892, volto a diffondere anche la pronuncia toscana dell'italiano) e mirante a conquistare la scuola, ma combattuta decisamente dalla nascente linguistica scientifica.

 

Più difficile risultò il rinnovamento degli strumenti grammaticali. La descrizione sistematica ed esplicita della lingua - una lingua per di più ancora gravata da arcaismi e piena di oscillazioni non risolte - esponeva a seri rischi gli autori di questo genere di testi. Solo Raffaello Fornaciari, sorretto più dall'esempio dei Promessi sposi che dalle teorie manzoniane, osò allargare alquanto le maglie dell'antico modello grammaticale e presentare in luce benevola l'immissione di alcune forme del parlato.

Novo vocabolario della lingua italiana secondo l'uso di Firenze
Fornaciari, Sintassi italiana
Fornaciari, Grammatica italiana
Dizionario della lingua italiana, Tommaseo-Bellini
Dedica a Vittorio Emanuele II

Tag:

Chiavi di VIVIT: