, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Ricognizioni sulla storia linguistica dell’emigrazione italiana nel mondo

    Emigrazione e lingua italiana nel mondo
    Storia linguistica dell’emigrazione italiana nel mondo, M. Vedovelli (a cura di)

    Sulla storia dell’emigrazione italiana nel mondo sono stati condotti numerosi lavori di ricognizione, attenti soprattutto ad aspetti storici, sociali, demografici ed economici del fenomeno emigratorio. Sono invece meno numerosi i lavori ricognitivi sugli aspetti linguistici, sui quali è possibile reperire numerosi lavori, che hanno però il limite di concentrarsi su situazioni specifiche e non su una visione globale della storia linguistica dell’emigrazione italiana nel mondo.

     

    Nel 2011 è uscita la Storia linguistica dell’emigrazione italiana nel mondo di Massimo Vedovelli (ed. Carocci), che costituisce un’opera di sintesi ricognitiva sulle dinamiche linguistiche dell’emigrazione italiana nel mondo a partire dall’Unità d’Italia. Si tratta di un tentativo di inquadrare un oggetto di studio complesso e di riflettere su una materia composita, sintetizzando l’ampia bibliografia esistente e delineando i fatti linguistici che hanno riguardato le comunità italiane all’estero nei loro Paesi di vita, nei rapporti con le lingue e le culture con cui sono entrati in contatto, ma anche nella relazione che hanno stabilito con la propria lingua di origine e con i processi che hanno contemporaneamente trasformato il volto linguistico italiano. Il volume raccoglie inoltre una serie di schede che sintetizzano a loro volta la bibliografia riguardante specifiche aree geografiche, spesso esempi paradigmatici delle dinamiche e dei processi linguistici vissuti dalla nostra emigrazione all’estero.

     

    Meno recenti sono altre due ricognizioni in materia. Nel 1994 Lorenzetti (I movimenti migratori, in Storia della lingua italiana, a cura di L. Serianni e P. Trifone, ed. Einaudi)  pubblica un’accurata analisi partendo dai movimenti preunitari, individuando anche in essi dei processi di italianizzazione e delle spinte convergenti verso moduli comunicativi sovra regionali. Lorenzetti riconosce il ruolo svolto dall’emigrazione italiana all’estero nei processi di convergenza verso varietà linguistiche sovralocali e di italianizzazione, collegandoli a due fattori fondamentali come l’alfabetismo e i livelli di istruzione.

     

    Sempre nel 1994 Bertini Malgarini (L’italiano fuori d’Italia, in Storia della lingua italiana, a cura di L. Serianni e P. Trifone, ed. Einaudi) pubblica un’attenta analisi, all’interno di un lavoro più generale sulle condizioni dell’italiano nel mondo, collocando le vicende linguistiche delle nostre comunità all’estero tra i processi di diffusione della lingua italiana. Il lavoro sottolinea la caratterizzazione dell’italiano come “lingua etnica” pur sottolineando la mancata affermazione dell’italiano lingua etnica nelle nostre comunità a causa di fattori linguistici (la base dialettofona dell’emigrazione storica), culturali (i bassi livelli di istruzione), socio demografici (la consistenza e la composizione della comunità). Inoltre l’autrice si concentra in particolar modo sulle varietà linguistiche sviluppatesi nei diversi contesti migratori, dalla Svizzera all’Australia.

    Un più recente lavoro ricognitivo è quello di Bettoni e Rubino (L’italiano dell’emigrazione: temi, approcci teorici e metodologie di indagine, in SILTA, XXXIV, 3), che nel 2010 propongono un bilancio delle questioni e dei riferimenti teorici, ma anche delle metodologie di indagine relative alle vicende linguistiche della nostra emigrazione all’estero. La ricognizione non assume una prospettiva storica, ma piuttosto mette in luce i processi sottesi alle dinamiche linguistiche dell’emigrazione italiana e i modelli di studio di tali processi, sottolineando la necessità di aprirsi a modelli di ricerca internazionali, per stimolare il dibattito e la circolazione dei risultati delle ricerche tra studiosi.

     

     

    Fonte: Storia linguistica dell’emigrazione italiana nel mondo, a cura di Massimo Vedovelli, Roma, Carocci, 2011.