, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

"Decameron" - unità e pluralità

Letteratura e teatro

Nelle novelle del Decameron a volte prevale la narrazione dei fatti, a volte la storia di un personaggio, a volte si mettono a confronto sentimenti e valori contrastanti. Per trattare argomenti diversi, l’autore utilizza anche forme narrative diverse (racconto, romanzo, novella, contrasto, commedia). Questa pluralità di scrittura, secondo Mario Baratto[1] riflette la varietà, la mutevolezza e la continua trasformazione, che Boccaccio vuol rappresentare. Insieme alla pluralità, nel Decameron sono presenti anche alcuni meccanismi narrativi basati sul rapporto simmetria/opposizione che ne garantiscono l’unità.

 

 


[1] M. Baratto, Realtà e stile nel Decameron, Venezia, Neri Pozzi, 1970. Mario Baratto è stato docente di lingua e letteratura italiana e storia del teatro presso le Università di Cagliari, Pisa e Venezia. 

 

Materiali collegati
Autori: 
Opere: 

Chiavi di VIVIT: