, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Il "Decameron": Lo stile realistico

Nelle novelle che hanno per protagonisti personaggi vissuti nel suo tempo, per dare alle storie una forte aderenza con la realtà Boccaccio nomina con precisione luoghi geografici, strade e monumenti e utilizza termini legati alle professioni, soprattutto a quelle del mondo mercantile. La bottega del fornaio Cisti si trova davanti a Santa Maria Ughi, una chiesetta nei pressi di Palazzo strozzi a Firenze; Currado Gianfigliazzi, che ha al suo servizio il cuoco Chichibio, uccide la gru presso a Peretola, un paese della campagna fiorentina; Frate Cipolla fa le sua predica a Certaldo, un castel di Val d’Elsa; Maso incontra Calandrino nella chiesa di San Giovanni, Bruno e Buffalmacco raccontano di pietre magiche provenienti da Settignano e da Montisci, due paesi vicino a Firenze, e Calandrino portano a cercare l’elitropia nel Mugnone, un affluente del fiume Arno.

 

Boccaccio dà indicazioni precise anche rispetto ad altri luoghi che ha visto e visitato, come nella novella di Landolfo Rufolo, ambienta ad Amalfi:

 

Credesi che la marina da Reggio a Gaeta sia quasi la più dilettevole parte d'ltalia; nella quale assai presso a Salerno e una costa sopra 'l mare riguardante, la quale gli abitanti chiamano la costa d'Amalfi, piena di picciole città, di giardini e di fontane, e d'uomini ricchi e procaccianti in atto di mercatantia sì come alcuni altri.

 

In questa stessa novella, dove si narra la storia di un mercante scampato al naufragio, abbondano termini che si riferiscono al mare e al mondo mercantile: mercatanti, drappieri, mercatantie, mercatare, spacciar, far mercato, denari, pecunia; un legnetto sottile da corseggiare, legni turchi, due gran cocche di genovesi, levandosi la sera uno scilocco, faceva grossissimo il mare, uno seno di mare, ciurma, fer vela, una secca, la rena e l’acqua salsa.

 

Anche nelle novelle del cuoco Chichibio e di Cisti fornaio troviamo espressioni e termini riferiti ai loro mestieri: l’arostisse e governassela bene, la mise al fuoco, presso che cotta, cucina per Chichibio, diminutivi caratteristici del fiorentino per Cisti: piccolo orcioletto bolognese, piccolo orcioletto del suo buon vino, botticello.

Materiali collegati
Autori: 
Opere: 

Chiavi di VIVIT: