, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Le caratteristiche degli esseri umani

Letteratura e teatro

L’esperienza ci dimostra che gli uomini seguono solo l’interesse privato per il quale sono disposti a scegliere governi autoritari e a sacrificare i loro ideali. Per natura, gli uomini sarebbero portati più verso il bene che verso il male; ma questa loro natura è fragile e si lascia facilmente corrompere dalle troppo numerose tentazioni che il mondo le offre. I legislatori quindi, nella speranza di mantenere gli uomini saldi nelle loro buone – anche se fragili – inclinazioni naturali, istituirono i premi e le pene.:

 

134. Gli uomini tutti per natura sono inclinati piú al bene che al male; né è alcuno el quale, dove altro rispetto non lo tiri in contrario, non facessi piú volentieri bene che male; ma è tanto fragile la natura degli uomini, e sí spesse nel mondo le occasione che invitano al male, che gli uomini si lasciano facilmente deviare dal bene. E però e' savi legislatori trovorono e' premi e le pene; che non fu altro che con la speranza e col timore volere tenere fermi gli uomini nella inclinazione loro naturale.

 

Le buone inclinazioni però non sono destinate ad avere la meglio perché gli uomini che hanno il potere e dovrebbero garantire la giustizia sono degli incapaci; inoltre a ricevere le lodi sono coloro che vincono e non quanti si comportano in modo giusto e onesto. Come dicevano gli antichi, avere autorità e incarichi di rilievo rende evidente la qualità delle persone: moltissimi parlano bene e non sono capaci di agire, moltissimi promettono di compiere azioni straordinarie e messi alla prova si vanificano come ombre. Per i vinti, inoltre non c’è scampo. Bisogna pregare Dio di essere sempre fra i vincitori perché saremo lodati anche per cose di cui non avremo alcun merito, mentre il vinto sarà accusato per colpe che non ha commesso:

 

163. Quanto fu accomodato quello detto degli antichi: Magistratus virum ostendit! Non è cosa che scuopra piú la qualitá degli uomini che dare loro faccende e autoritá. Quanti dicono bene, che non sanno fare! Quanti in sulle panche e sulle piazze paiono uomini eccellenti che adoperati riescono ombre!

 

176. Pregate Dio sempre di trovarvi dove si vince, perché vi è data laude di quelle cose ancora di che non avete parte alcuna; come per el contrario chi si truova dove si perde, è imputato di infinite cose delle quali è inculpabilissimo.

Materiali collegati

Chiavi di VIVIT: