, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

9.3.2. "Risotto romagnolo"

    Cucina

    (da “La Cucina italiana”, giugno 1930, prima pagina della rivista)

     

    Risotto romagnolo

    Ricetta di Giovanni Pascoli

     

    Volendo dimostrare che la cura della cucina, il gusto della tavola, non sono antitetiche di Poesia, il nostro giornale si compiace pubblicare ricette in versi di poeti contemporanei.

     

    Anche se non fu scritta apposta per noi, come le altre pubblicate fin qui su La Cucina Italiana, non possiamo omettere quella del «risotto romagnolo», dovuta al più squisito fra i moderni lirici italiani — il Pascoli.

     

    Amico, ho letto il tuo risotto in.... Ahi!

    È buono assai! Soltanto è un pò futuro

    con quei tuoi: «tu farai, vorrai, saprai!».

    Questo è del mio paese, è più sicuro

    perchè.... presente. — Ella à tritato un poco

    di cipollina in un tegame puro.

    V’à messo il burro dal color di croco

    o zafferano (è di Milano!) a lungo

    quindi à lasciato il suo cibreo sul fuoco.

    Tu mi dirai «burro e cipolla?»

    Aggiungo che v’era ancora qualche fegatino

    di pollo, qualche buzzo, qualche fungo.

    Che buono odor veniva dal camino!

    Io già sentivo un poco di ristoro

    dopo il mio greco, dopo il mio latino!

    Poi v’ha spremuto qualche pomodoro;

    A lasciato covare chiotto chiotto,

    infin ch’à preso un chiaro color d’oro.

    Soltanto allora ella v’ha dentro cotto

    Il riso crudo come dici tu.

    Già suona mezzogiorno; ecco il risotto

    il buon risotto che mi fa Mariù.

     

    GIOVANNI PASCOLI