, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

L'anafora

Un testo formato da più frasi, per avere senso compiuto, ha bisogno di una serie di legami interni. Questa rete di legami si definisce "catena anaforica". Essa è formata da un “antecedente” (ovvero ciò ‘che viene prima’): un oggetto, una persona, un concetto espresso nel testo; e da tutti gli elementi che lo richiamano: questi ultimi prendono il nome di “riprese anaforiche”.

 

In Mangio la mela che ho comprato, ad esempio, la mela è l’antecedente della ripresa anaforica che, pronome relativo con funzione di oggetto diretto nella frase che ho comprato.

 

In Le mele sono un frutto delizioso: sono in frigorifero, prendile pure se vuoi, basta che non le finisci l’antecedente le mele e le due riprese anaforiche pronominali (-le e le) formano una catena anaforica.

 

Proprio i pronomi relativi [link grammatica Sabatini] e i pronomi personali [link grammatica Sabatini] sono gli elementi grammaticali che più facilmente vengono usati per stabilire un legame anaforico.

 

Rileggi questo scambio tra l’intervistatore e Ferrari:

 

I: Quali corse ha vinto?

F: Diverse corse. Ma io amo la macchina, io non la maltratto, io la rispetto.

 

Enzo Ferrari nomina la macchina nella prima frase, poi utilizza due riprese anaforiche nelle successive frasi: prova a indicarle cliccandole.

Il modello 412T2 (1995)Il modello F2 (2002)