, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Italiani in Australia

Bettoni-A. Rubino, Emigrazione e comportamento linguisticoBettoni-A. Rubino, Emigrazione e comportamento linguistico

 

La provenienza da un numero ristretto di regioni, l’emigrazione a catena e l’origine contadina o piccolo borghese degli emigrati italiani sono tra i principali fattori che hanno inciso sulla struttura sociale della comunità italo-australiana.

 

Approfondimenti

Oggi esistono molte istituzioni che si rivolgono all’immigrazione italiana in Australia. Ecco un primo elenco di siti web in cui documentarti:

Italiani in Australia

Australian community

Per prima cosa notiamo che la comunità è caratterizza da un alto tasso [Percentuale] di endogamia [Matrimoni tra parenti], con frequenti matrimoni tra paesani, corregionali e più genericamente tra italiani […]

 

Inoltre, nel tentativo di ricreare in terra australiana condizioni di vita simili a quelle del paese d’origine, gli italiani formarono presto insediamenti con forti concentrazioni corregionali, se non addirittura paesane […]. Tutto questo ha favorito la formazione di reti d’interazione [Scambi e relazioni] regionali piuttosto che italiane e il mantenimento di un’identità spesso legata più alla regione di provenienza che all’Italia: ne è prova, per esempio, l’alto numero di associazioni locali e regionali, sorte a volte solamente per organizzare la festa annuale del santo patrono del paesino d’origine. […] C’è da dire però che, a partire dagli anni Settanta, la comunità ha assunto un’immagine più ‘italiana’. Questo è dovuto a diversi fattori, quali l’arrivo di immigrati italiani provenienti da un’Italia decisamente meno paesana e regionale rispetto a quella degli anni Cinquanta; il formarsi di associazione e club molto più grandi e articolati; l’introduzione di trasmissioni televisive e radiofoniche in italiano; e in generale contatti più frequenti con l’Italia, tenuti anche dalla seconda generazione desiderosa di conoscere l’Italia contemporanea piuttosto che quella da cui erano partiti i genitori.

 

(C. Bettoni-A. Rubino, Emigrazione e comportamento linguistico. Un’indagine sul trilinguismo dei siciliani e dei veneti in Australia, Galatina, Congedo, 1996, p. 11).