, dopo l'accesso o la registrazione il tuo account verrà connesso.

Esercizi

Leggi la trascrizione di parte dei testi cha hai ascoltato precedentemente, clicca sulle parole che rappresentano un aggettivo qualificativo.

Negli ultimi mesi del 1953 al Consiglio di amministrazione della RAI, monsignor Galletto, che era il cappellano dell’azienda - il rappresentante della Chiesa in seno all’azienda - aveva fatto approvare quel regolamento di autodisciplina di cui abbiamo letto un brano, che la Chiesa aveva predisposto appositamente per evitare che questo nuovo mezzo, la televisione, con la sua potenza arrecasse eccessivi danni alla morale del Paese.

 

La preoccupazione per la televisione e insieme la speranza per le sue potenzialità, in particolare pedagogiche, erano in quegli anni al centro dell’interesse di molte forze politiche oltre che religiose. Anche in Inghilterra la preoccupazione di insegnare, prima che di intrattenere, era al centro della politica della BBC. Ed era al centro della politica della BBC l’attenzione a non arrecare danno al paese sul piano etico e sul piano culturale, così come in l’Italia, le preoccupazioni morali e culturali - compresa la preoccupazione per il rispetto delle regole della lingua parlata - sarebbero state a lungo al centro dell’attenzione della classe politica, altrettanto che i problemi strettamente politici. Sostanzialmente il servizio pubblico televisivo, com’era la RAI, significava anche una TV sotto uno stretto controllo.

 

Tratto da “Storia del tubo” di Peppino Ortoleva

Ecco la soluzione all'esercizio precedente: suddividi ora tutti gli aggettivi che hai trovato in base alla posizione in cui si trovano rispetto al nome: aggettivi prima del nome e aggettivi dopo il nome.

Negli ultimi mesi del 1953 al Consiglio di amministrazione della RAI, monsignor Galletto, che era il cappellano dell’azienda - il rappresentante della Chiesa in seno all’azienda - aveva fatto approvare quel regolamento di autodisciplina di cui abbiamo letto un brano, che la Chiesa aveva predisposto appositamente per evitare che questo nuovo mezzo, la televisione, con la sua potenza arrecasse eccessivi danni alla morale del Paese.

 

La preoccupazione per la televisione e insieme la speranza per le sue potenzialità, in particolare pedagogiche, erano in quegli anni al centro dell’interesse di molte forze politiche oltre che religiose. Anche in Inghilterra la preoccupazione di insegnare, prima che di intrattenere, era al centro della politica della BBC. Ed era al centro della politica della BBC l’attenzione a non arrecare danno al paese sul piano etico e sul piano culturale, così come in l’Italia, le preoccupazioni morali e culturali - compresa la preoccupazione per il rispetto delle regole della lingua parlata - sarebbero state a lungo al centro dell’attenzione della classe politica, altrettanto che i problemi strettamente politici. Sostanzialmente il servizio pubblico televisivo, com’era la RAI, significava anche una TV sotto uno stretto controllo.

 

Aggettivi che precedono il nomeAggettivi che seguono il nome
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola
parolaparola